Campi condizionati: come e perché usarli per personalizzare i form di candidatura

Campi condizionati: come e perché usarli per personalizzare i form di candidatura

A chi non è mai capitato almeno una volta di compilare un form di candidatura e registrarsi ad un annuncio! Chi cerca attivamente un lavoro compie quest’attività più volte al giorno, inserisce ripetutamente i propri dati e naviga tra gli innumerevoli campi di form spesso lunghi, complessi e soprattutto diversi annuncio per annuncio. Oggi, grazie allo sviluppo di strumenti studiati ad hoc e tecnologie di intelligenza artificiale per il recruiting, si cerca di semplificare il processo di application e rendere positiva sin dall’inizio l’esperienza del candidato. In questo senso, oltre al lavoro svolto con Inda, la nostra soluzione di intelligenza artificiale, che ha funzionalità che consentono la compilazione automatica degli application form mediate il semplice caricamento del file CV, abbiamo compiuto un altro passo avanti rilasciando i Campi condizionati per la personalizzazione dei form di candidatura di In-recruiting. Vediamo nel dettaglio di cosa di tratta.

I Campi condizionati di In-recruiting

I Campi condizionati sono una delle ultime novità rilasciate da In-recruiting alla fine del 2020. Si tratta di uno strumento molto utile nel processo di ricerca e selezione perché permette di perfezionare il lavoro di customizzazione svolto dai recruiter, in maniera del tutto autonoma, sui form di candidatura e di acquisire informazioni strutturate sui candidati.

I Campi condizionati sono disponibili come Add-on all’interno dell’ATS In-recruiting e consentono al selezionatore (o utente aziendale) che si occupa della personalizzazione dell’application form, di abilitare e “condizionare” la visibilità di alcuni dei suoi campi. Possono applicarsi a diverse categorie del modulo di registrazione a seconda delle proprie esigenze. Una volta attivati, il recruiter può stabilirne l’ordine all’interno del form e renderli visibili e/o obbligatori ai candidati in fase di registrazione ad un annuncio di lavoro.

campi condizionati in-recruiting

Il risultato sarà un form di candidatura “adattivo” che si rimodula a seconda dei dati immessi dal candidato all’interno di altri campi e, come conseguenza alle sue risposte, potranno comparire ulteriori box da completare e informazioni da inserire. Questa forma di personalizzazione è utile non solo in fase di application ma anche in quella di onboarding. Facciamo qualche esempio.

Alcuni esempi di Campi condizionati nel processo di recruiting

Per agevolare la raccolta e organizzazione dei dati, In-recruiting dispone di diverse tipologie di form di candidatura. I candidati possono compilare un form interno direttamente dalla propria area riservata; un form esterno inviando una candidatura spontanea o rispondendo ad un annuncio dal sito web del cliente; un form OnDemand in fase di pre-assunzione. In queste occasioni, il recruiter può richiedere informazioni preliminari alla conoscenza del candidato (anagrafiche ad esempio) o che approfondiscano alcuni aspetti specifici e, per farlo, può essere utile ricorrere ai Campi condizionati.

Durante la registrazione ad un annuncio di lavoro, ad esempio, si può richiedere al candidato di compilare il campo Studi e di indicare il proprio Livello di istruzione. In questo caso:

  • se il candidato dichiara di essere in possesso di una laurea triennale, comparirà un box per l’inserimento dell’indirizzo della laurea (es. Informatica);
  • se il candidato seleziona ‘Diploma’, ne comparirà uno per l’inserimento dell’indirizzo del diploma (es. Maturità linguistica);
  • se il candidato indica ‘Scuola dell’obbligo’, non comparirà alcun box ulteriore da completare.

campi condizionati gif

In tutti questi casi, la presenza di un menù a tendina, che propone varie opzioni di risposta tra le quali scegliere, aiuta il candidato nella compilazione del form e agevola la raccolta di informazioni strutturate. Qualora il candidato non dovesse trovare l’opzione giusta nell’elenco proposto, però, è sempre bene inserire una voce generica (‘Altro’). In questo modo, gli viene offerta la possibilità di superare quello che apparentemente potrebbe sembrare un ostacolo alla compilazione (non aver trovato l’opzione di risposta desiderata), e di inserire in un campo aperto la risposta che preferisce, incoraggiandolo a proseguire.

Sfruttando i Campi condizionati, si può richiedere anche l’inserimento di ulteriori dati personali (es. inserire il codice fiscale se il candidato ha dichiarato di avere la cittadinanza italiana) oppure, con la somministrazione di un form OnDemand in fase di pre-assunzione, di informazioni aggiuntive o il caricamento di un documento (es. certificato di studi).

I vantaggi dei Campi condizionati nei form di candidatura

Gli effetti più evidenti dell’utilizzo dei Campi condizionati si manifestano sicuramente a livello di candidate experience. Sarebbe riduttivo, però, pensare che solo perché è il candidato a compilare il form, allora sia l’unico a poterne beneficiare. I vantaggi sono numerosi e coinvolgono anche il recruiter. Tra questi:

  • Creare form di candidatura personalizzati;
  • Risparmiare tempo: il recruiter può creare un unico form che si adatta velocemente e in maniera automatica alle diverse possibili risposte fornite dei candidati;
  • Semplificare il processo di application e ridurre il form: un modulo di registrazione troppo lungo e complesso può scoraggiare il candidato nella compilazione. Alcuni campi possono diventare visibili solo se necessario, a seconda delle risposte inserite dai candidati in quelli precedenti;
  • Offrire un percorso di candidatura organizzato e studiato: i Campi condizionati hanno l’obiettivo di intercettare specifiche informazioni e, per questo, possono essere utili per approfondire contenuti ritenuti importanti ai fini della selezione;
  • Migliorare l’esperienza di application dei candidati;
  • Ridurre il tasso di abbandono e aumentare quello di conversione.

Se usi già In-recruiting e vuoi scoprire come implementare questa nuova soluzione all’interno del tuo piano, richiedi una demo dedicata con uno dei nostri esperti.

Success message!
Warning message!
Error message!